Bruchetto
Notizie
Ogni brindisi è un tesoro. Anche a Natale
Parte la campagna natalizia di Albero del tesoro, grazie ai vini Barollo, per la realizzazione della piastra sportiva polivalente accessibile
27 ottobre 2021

"Ogni brindisi è un tesoro. Anche a Natale" è la nuova campagna di raccolta fondi per il parco comunale inclusivo, per completare la realizzazione della piastra sportiva accessibile dove bambini, ragazzi e adulti possano giocare in libertà, divertirsi e fare sport senza barriere architettoniche e ostacoli. Lo spazio è già in cantiere grazie all’impegno del Tennis club Padova a cui si affianca quello dell’azienda vitivinicola Barollo di Preganziol (Treviso) che da tempo sostiene il progetto del parco.


La proposta di Albero del tesoro è di donare a chi conta di più, ad amici, parenti, collaboratori oppure clienti affezionati, che condividono i valori della solidarietà e del bene comune, una confezione natalizia di vini dedicata al parco inclusivo.


C’è la possibilità di scegliere tra due opzioni. La prima è una “Christmas box” da 65,00 euro (al posto di 72,00 euro) con all’interno 3 bottiglie di vino: Frank! 2018 – Trebicchieri Gambero rosso 2021; Chardonnay 2018 – Trebicchieri Gambero rosso 2022; Metodo classico "Riserva Alfredo Barollo" 2013; e 2 gadget (un cavatappi e uno stopper spumanti).


La seconda proposta è una “Christmas box” da 35,00 euro (al posto di 40,00 euro) con all’interno 3 bottiglie di bollicine: Prosecco Rosè doc Treviso millesimato 2020 Brut; Prosecco doc Treviso millesimato 2020 Brut; Metodo classico "Riserva Alfredo Barollo" 2013.


Ogni confezione e ogni bottiglia porta con sé l’adesivo del parco, affinché chiunque le riceva conosca con immediatezza la scelta di solidarietà e di valore effettuata in occasione del Natale.


Aderire alla campagna è molto semplice: basta inviare una mail di conferma a info@parcoinclusivopadova.it con il numero di confezioni da prenotare e attendere la risposta, che non tarderà ad arrivare, con tutte le indicazioni per effettuare l’ordine e la consegna.

Legambiente Padova e Fondazione Irpea
I primi quattro orti rialzati sono stati donati ad albero del tesoro in una giornata di sole e di festa insieme ai ragazzi Fondazione Irpea e di Gruppo Polis
Venerdì 15 ottobre 2021

Un giro intorno al cantiere e poi tutti a festeggiare perché Albero del tesoro prende sempre più forma e fisionomia grazie al contributo piccolo e grande di tutti.

Nel corso di un breve momento ufficiale, sono stati consegnati da Legambiente Padova e da Fondazione Irpea i primi quattro orti rialzati, accessibili anche a chi è in sedia a rotelle.

La consegna rivela il grande valore simbolico del progetto del parco inclusivo, come sottolinea Chiara Gallani, assessore all’Ambiente del Comune di Padova: «Gli orti rialzati e accessibili sono un altro piccolo pezzo di puzzle che va a comporsi grazie all’impegno e al coinvolgimento di Legambiente e di Fondazione Irpea per questo luogo che è già da tempo il parco di tutti e per tutti. Un luogo che crea sinergie fra le varie anime della città, un luogo in cui crescere come cittadini e come persone che, quando sarà aperto, andrà ad arricchirsi anche di tante attività che, ad esempio, intorno a questi bellissimi orti di larice le ragazze e i ragazzi di Fondazione Irpea potranno realizzare con tutti».


Gli orti rialzati sono stati realizzati grazie a “Bio&Diversità”, il progetto di Legambiente Padova sostenuto dalla Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente. «Nell’area del Basso Isonzo – racconta Sandro Ginestri, presidente dell’associazione – sta nascendo un bel parco agricolo in ambito urbano, in cui è possibile svolgere anche pratiche di inclusione per persone con disabilità. Vogliamo valorizzare i luoghi e sostenere gli attori di questo importante polmone verde di Padova e siamo perciò lieti di dare il nostro piccolo contributo alla creazione del parco comunale inclusivo Albero del tesoro. Assieme a noi anche 120 cittadini che hanno partecipato alla raccolta fondi per la realizzazione degli orti rialzati, acquistando pasta integrale prodotta proprio qui al Basso Isonzo dall’azienda agricola Terre del fiume».


Le strutture in legno di larice, che conterranno vasi con piante di ortaggi di stagione, sono state realizzate dagli utenti della Fondazione Irpea, da sempre partner del progetto del parco inclusivo di Padova, nell’ambito del progetto “Coltiviamo il nostro futuro”. Il progetto coinvolge circa 20 persone con disabilità cognitiva e per alcune di loro rappresenta un percorso di inserimento lavorativo. “Coltiviamo il nostro futuro” si sta rivelando importante perché aiuta le persone coinvolte a migliorare le capacità relazionali, le competenze professionali e il loro grado di autonomia, limitandone, peraltro, l’isolamento sociale. «Le persone che partecipano al progetto di agricoltura sociale – spiega il presidente di Fondazione Irpea Armando Gennaro – apprendono competenze specifiche nell’ambito della ceramica, della falegnameria e dell’ortovivaismo, ma soprattutto imparano ad assumere la responsabilità delle mansioni affidate. L’altro elemento di valore è l’integrazione nel territorio e nel suo tessuto sociale attraverso le collaborazioni attivate con associazioni, aziende e iniziative della città».

Cena di beneficenza al Tennis club Padova
Giovedì 28 ottobre alle 19.30, al ristorante Cinquanta punto zero nella sede del Tennis Club Padova, a pochi passi dal parco inclusivo, si svolgerà la serata di raccolta fondi per la piastra sportiva accessibile. Le iscrizioni sono già aperte
7 ottobre 2021

Si allarga la squadra di coloro che credono in Albero del Tesoro, nel sogno di un parco per tutti, senza barriere architettoniche, e nei suoi valori di accoglienza e inclusione.

Il Tennis Club Padova, nato nel 1912 e che da oltre dieci anni ha sede al Basso Isonzo a pochi passi dal parco inclusivo, ha scelto di sostenere la realizzazione della piastra sportiva accessibile, dove grandi e piccoli, con disabilità e non, potranno presto giocare insieme, senza ostacoli.

Sarà questo l’obiettivo della raccolta fondi della cena di beneficenza aperta a tutti di giovedì 28 ottobre alle 19.30 al ristorante “Cinquanta Punto Zero” al primo piano della club house del Tennis in via Libia 40 a Padova.

Oltre alla presentazione del progetto del parco inclusivo non solo ai soci, ma anche a tutti coloro che vorranno accogliere quest’invito davvero speciale, la serata regalerà anche della buona musica dal vivo, un menù di stagione con i raffinati piatti elaborati dallo chef Giovanni Meneguzzo che saranno sapientemente abbinati agli ottimi vini dell’etichetta Barollo di Preganziol (Treviso) che da tempo ha deciso di sostenere Albero del Tesoro.

Le iscrizioni con posti limitati sono già aperte, basta inviare una mail di prenotazione a info@parcoinclusivopadova.it entro sabato 23 ottobre.

Per partecipare alla serata (contributo minimo di euro 50) è necessario il green pass.

Scarica il menu della serata
In libreria
Terza ristampa per “Il tesoro del labirinto incantato”, il libro accessibile che si arricchisce del qr code con la traduzione in Lis. Parte della vendita è a sostegno del Parco
9 giugno 2021

Da pochi giorni è sugli scaffali delle librerie (anche quelle online) la terza edizione de "Il tesoro del labirinto incantato", il libro accessibile che accompagna la nascita del Parco inclusivo fin dai suoi primi passi e che è stato compagno di viaggio di migliaia di bambini nel corso della progettazione condivisa.

In questa nuova edizione il testo scritto da Elena Paccagnella è arricchito con la traduzione in Lis (Lingua dei Segni italiana), un codice di lettura in più oltre al Braille, alla Caa (comunicazione aumentativa e alternativa), al font Easy Reading ad alta leggibilità anche per lettori con dislessia, al Qr code per raccontare la storia anche a lettori non vedenti. Le bellissime illustrazioni realizzate da Nicoletta Bertelle sono ad alto contrasto cromatico per facilitarne la fruizione anche a chi presenta deficit visivi.

Il libro "Il tesoro del labirinto incantato" narra la storia di cinque piccoli amici, ognuno con una propria difficoltà che diventa ugualmente opportunità nel gruppo. La scoperta sarà eccezionale: il valore di ciascuno è unico, irripetibile e preziosissimo. Proprio come Albero del Tesoro, non giostre diverse per bambini diversi, ma un’unica giostra dove tutti possono stare assieme e condividere il gioco.  

"Il tesoro del labirinto incantato", edito da Camelozampa, con il sostegno di Coldiretti Padova, vi aspetta in libreria, ma anche nei canali di vendita online (Amazon, Ibs...): la sua vendita contribuirà all'acquisto di una giostra inclusiva per il parco.

Albero del Tesoro ringrazia Romilda e la cooperativa Crescendo di Padova che hanno messo a disposizione le loro competenze per raggiungere l’importante risultato della traduzione in Lingua dei Segni italiana.

Ogni Brindisi è un Tesoro
La nuova raccolta fondi: le bottiglie di vino Barollo sostengono Albero del Tesoro e lo accompagnano in Italia e nel mondo
21 maggio 2021

Ha il sapore del vino, quello di qualità, delle terre venete miscelato con la solidarietà la nuova campagna di raccolta fondi per Albero del Tesoro grazie alla generosa adesione dell’azienda vitivinicola Barollo di Preganziol, in provincia di Treviso, ma con profonde radici padovane.

Su ogni bottiglia di vino, acquistata sull’e-commerce www.barollo.com è presente un piccolo adesivo con il logo del parco Albero del Tesoro che identifica la preziosa scelta dell’acquisto solidale.

Contribuire, dunque, al progetto del Parco inclusivo insieme alla Barollo è molto semplice, rapido ed efficace per chiunque: a ogni acquisto su www.barollo.com basta inserire il codice “TESORO” che dà diritto a uno sconto diretto del 10 per cento sul totale. L’azienda riserverà un’ulteriore quota del 10 per cento a sostegno della realizzazione di Albero del Tesoro.

Marco e Nicola Barollo, gli imprenditori padovani a capo dell’azienda di famiglia, hanno scelto di sostenere il progetto del Parco perché «crediamo nel valore delle relazioni, quelle sane, coltivate con profondità e rispetto – spiegano i due fratelli – Sono le relazioni a fare la differenza in ogni contesto che viviamo, anche durante il nostro tempo libero. E noi, anche con la nostra azienda, vogliamo incidere positivamente sul progresso sociale della città in cui viviamo, sostenendo l’accoglienza e l’inclusione oltre le differenze che caratterizzano ciascuno di noi».

L’azienda Barollo produce il suo vino in 50 ettari di vigneto e in soli vent’anni di attività ha raggiunto traguardi notevoli con dieci categorie di vino premiate di 12 annate differenti, 271 tra premi, menzioni e riconoscimenti; 37 le medaglie internazionali aggiudicate grazie alla qualità tutta made in Italy del vino Barollo. L’ultimo riconoscimento ottenuto nel 2020 sono i “Tre bicchieri del Gambero rosso” per l’etichetta Frank!

Tutte confezioni spedite a domicilio conterranno le bottiglie con l’adesivo del Parco, una lettera di ringraziamento per aver contribuito alla raccolta fondi e la brochure che spiega storia, obiettivi e realizzazione del progetto.

Ognuno portando in tavola il vino Barollo avrà la possibilità di far conoscere l’iniziativa, parlarne con i propri ospiti, invitandoli, magari, anche a una donazione diretta.

Ecco, dunque, che stappando insieme una profumata bottiglia di vino di qualità si prenderà parte a un grande progetto sociale per il quale il diritto al gioco di ogni bambino, la qualità del tempo libero e delle relazioni rappresentano valori irrinunciabili.

Fondazione Irpea realizza gli orti rialzati del Parco finanziati con la raccolta fondi di Legambiente del progetto Bio& Diversità
30 aprile 2021

È proprio il caso di dirlo per il Parco Inclusivo: l’unione fa la forza!

Con l’arrivo della bella stagione, i ragazzi di Fondazione Irpea, con i loro strumenti di falegnameria e i pennelli, si sono già messi al lavoro per Albero del Tesoro, per realizzare i quattro orti rialzati, finanziati da Legambiente Padova grazie al progetto Bio&Diversità.

 

Gli orti saranno posizionati dietro all’area ristoro del Parco e saranno contornati verso l’esterno dagli alberi da frutto: lì cresceranno ortaggi, piante aromatiche, fragole, pomodori…

Le strutture sono in legno certificato perché proveniente da foreste sostenibili e adatto all’utilizzo esterno. Inoltre, anche bambini, adulti e anziani con difficoltà motorie avranno la possibilità di coltivare piante e ortaggi perché gli orti sono interamente accessibili.

 

Il progetto Bio&Diversità di Legambiente Padova si prefigge di contribuire allo sviluppo sostenibile del territorio, attraverso pratiche di inclusione e valorizzazione delle diversità.

Il cuore del progetto è il parco agricolo del Basso Isonzo, dove si sperimenteranno sinergie possibili tra un percorso di parco agricolo in ambito urbano e le attività socio-culturali praticabili, con particolare attenzione all’integrazione delle diverse forme di disabilità.

Gli orti rialzati di Albero del Tesoro sono finanziati con i fondi raccolti da Legambiente in questi mesi con la vendita della pasta di grano Gentil rosso coltivato nelle terre biologiche del Basso Isonzo.

La campagna continua: la pasta (donazione di 5 euro) si trova nella sede di Legambiente in piazza Caduti della Resistenza 6 a Padova, telefono: 049-8561212.

Il progetto del Parco comunale inclusivo è vincitore del premio nazionale “Inclusione 3.0” dell’Università di Macerata
15 marzo 2021

Il progetto del Parco comunale inclusivo di Padova “Albero del Tesoro” è il vincitore del premio nazionale “Inclusione 3.0” promosso dall’Università di Macerata, giunto alla quarta edizione.

Il riconoscimento è stato istituito dall’ateneo marchigiano per valorizzare le esperienze nazionali e internazionali che quotidianamente s’impegnano nei territori per favorire e promuovere l’inclusione delle persone con disabilità.

L’assessora al verde e ai parchi del Comune di Padova Chiara Gallani sottolinea: «Grazie all’Università di Macerata per questo premio che ci rende davvero orgogliosi: il progetto è ambiziosissimo e una volta concluso darà a Padova il primo parco veramente e totalmente inclusivo, dove non ci sarà nessuna struttura che è solo per alcune categorie. Ci tengo a sottolineare che questo progetto nasce dalle idee positivamente visionarie e dall’impegno di 17 enti non profit, che lo hanno sognato e voluto, lavorando assieme alla Fondazione Robert Hollman che funge da capofila. Ancora grazie per questo riconoscimento che condivido con il nostro settore, con chi lo ha progettato e con Eleonora Reffo, direttrice amministrativa della Fondazione Hollman che si è spesa per questo progetto al di là di ogni immaginazione. Un grazie anche a tutti: persone, aziende e istituzioni che a vario titolo ci stanno sostenendo».

Giovedì 18 marzo dalle ore 21.30 vi sarà una diretta web radio nel corso della quale sarà  presentato il progetto. Per ulteriori informazioni:

https://www.unimc.it/it/unimc-comunica/events/eventi-2021/unimc-for-inclusion-2021

Al seguente link il video della cerimonia di premiazione: https://youtu.be/eyQePCxXkCo

Una nuova immagine accompagna la nascita del Parco

Ecco il nuovo logo del Parco inclusivo di Padova ALBERO DEL TESORO che va a identificare tutta la comunicazione interna ed esterna del progetto.

Il suo significato è importante da spiegare, perché racchiude il grande messaggio di accoglienza e inclusione legato all’esistenza stessa del progetto di un luogo di tutto e per tutti immerso nel verde.

Prima di tutto il carattere di stampa utilizzato: è inclusivo perché è ad alta leggibilità per chi ha problemi di dislessia e ad alto contrasto per facilitare la lettura delle persone con deficit visivo. Sulla scritta “Tesoro” è sovrapposto al nero il braille.
Il colore scelto per la parola "Tesoro" richiama l’oro e quindi la preziosità di ciascuno di noi e del parco per raccontare l’inclusività già dal nome.

L’albero evoca anzitutto l’elemento naturale di cui è costituito lo spazio attrezzato ed è simbolo di vita e di crescita. La curvatura del tronco, che avvolge il bambino, denota la cura e l'attenzione che vogliamo porre a ogni persona.

Le foglie, di diverse sfumature di verde, rappresentano le nostre diversità, ma altresì la nostra profonda uguaglianza costitutiva, in quanto germogliamo tutti dallo stesso albero e arricchiamo la vita con le nostre diversità che diventano ricchezza.

La foglia dorata, posta in direzione dello sguardo del bambino, rappresenta l'unicità di ciascuno, quale tesoro prezioso da ammirare e custodire. Il suo colore richiama il “Tesoro”, che compone il nome del parco.

L’amaca si rifà ai giochi inclusivi che saranno presenti nel parco perché è adatta ad accogliere anche bambini con difficoltà motoria. Infine il bambino vuole essere ognuno di noi, pronto a immergersi in una nuova avventura di gioco, unicità, condivisione, cura e crescita… a qualsiasi età della vita.

Per un Natale che Vale
La campagna si è conclusa con grande successo: oltre 11 mila euro di raccolta fondi per tre nuovi giochi accessibili e inclusivi

Si è chiusa con piena soddisfazione la campagna di raccolta fondi “Per un Natale che vale!” per il Parco comunale inclusivo ALBERO DEL TESORO.

Con la generosa collaborazione di Tigotà Gruppo Gottardo, che ha donato al progetto 290 tessere prepagate del valore di 50 euro l’una spendibili fino al 30 giugno 2021 in tutti i punti vendita d’Italia e nello store online, sono state quasi 150 le persone che, a fronte di una donazione minima di 38 euro, hanno permesso di raggiungere circa 11 mila euro di raccolta fondi. Grazie al sorprendente risultato, oltre a Rapsodia, la giostra musicale accessibile, verranno acquistati altri due giochi: Fiori chiacchieroni (gioco vocale) e Millemiglia (gioco a molla) arricchiranno lo spazio verde inclusivo permettendo ulteriori possibilità di gioco ai bambini con disabilità e non.

 

I SOSTENITORI

Chi ha sostenuto l’iniziativa solidale del Natale 2020 ha ricevuto direttamente a casa le gift card impreziosite da un originale packaging artigianale realizzato a mano dalle persone con disabilità dei centri diurni di Gruppo Polis e Fondazione Irpea. Dei 150 donatori, soprattutto veneti e padovani (ma non sono mancate donazioni da Lazio, Lombardia, Piemonte e Friuli Venezia Giulia...), la maggior parte sono donne che si sono rivelate molto sensibili all’iniziativa, regalando ad amici, parenti, persone care o anche a se stesse la gift card dal grande valore solidale.

Chiara Gallani, assessore all’ambiente del Comune di Padova, commenta positivamente il risultato della campagna: «Un piccolo grande tassello che entra nel disegno e nella progettazione del parco di tutti. Un grazie a chi ha donato, a chi ha fatto un regalo che ha permesso di raggiungere l'obiettivo di popolare di giostre e divertimento il parco che verrà. Grazie a Tigotà che ha partecipato a costruire la raccolta e grazie alle associazioni che hanno curato con amore ogni singolo pacchetto regalo. Una bella notizia per iniziare l’anno ed augurarci un 2021 che sia di tutti, nel verde».

 

LA SCELTA DI TIGOTA’

«Il parco Albero del Tesoro regalerà tanti sorrisi, insegnando ai bambini attraverso il gioco i valori dell’inclusione e dell’amicizia – afferma Tiziano Gottardo, presidente del Gruppo Gottardo di cui Tigotà fa parte – Abbiamo sposato il progetto che Fondazione Robert Hollman ha realizzato insieme a Comune, Università e 17 enti che si occupano di disabilità e sociale con grande convinzione. Questo è un percorso di co-partecipazione pensato e costruito veramente “per tutti”, un luogo dove poter condividere dei momenti di spensieratezza. Tigotà porta avanti progetti di formazione nelle scuole di tutta Italia con la volontà di aumentare la consapevolezza dei più piccoli su temi legati al sociale. Il parco inclusivo sposa a pieno questa filosofia».

Per un Natale che vale
La campagna natalizia di Albero del Tesoro per la giostra accessibile Rapsodia

Albero del Tesoro, il Parco comunale Inclusivo che sta sorgendo al Basso Isonzo (Padova), lancia la sua prima campagna natalizia per contribuire all’acquisto di Rapsodia, la giostra musicale accessibile che verrà installata all’interno dell’area andando ad arricchire le opportunità di gioco e di relazione di tutti.
Il Parco di tutti sta sorgendo a Padova in un’area di oltre 5 mila metri quadri, mediante un progetto partecipato di coprogettazione del Comune di Padova insieme a diciassette enti impegnati nell’ambito dell’inclusione e della disabilità, di cui Fondazione Robert Hollman è la capofila.

Il cantiere, inaugurato lo scorso anno, sta proseguendo con soddisfazione dopo il lungo e inevitabile stop provocato dall’emergenza della scorsa primavera. Ora è già tempo di pensare a come arricchire l’area che sarà completamente accessibile a tutti, a qualsiasi età, a persone con disabilità e non. Perché il sogno è uno di quelli grandi che richiedono l’impegno di ognuno di noi con quanto possa contribuire.


UN REGALO CHE FA LA DIFFERENZA

Con un gesto, semplice ma colmo di significato – una donazione minima di 38 euro alla Fondazione Robert Hollman (mediante bonifico a Banca Prossima - Conto corrente IT 39 W030 6909 6061 0000 0151 864) – in questo Natale ogni donatore riceverà in cambio la gift card Tigotà, partner del Parco inclusivo, del valore di 50 euro impreziosita da un originale packaging artigianale realizzato dalle persone con disabilità dei centri diurni di Gruppo Polis e Fondazione Irpea.

La tessera prepagata può essere spesa in tutti i negozi Tigotà d’Italia oppure nello store online per l’acquisto di tutti i prodotti in vendita dalla cura della persona fino all’igiene per la casa. La gift card sarà recapitata direttamente a casa: basta indicare nella causale del bonifico nome, cognome, indirizzo civico completo e una mail per essere eventualmente contattati.


IL TUO SOSTEGNO È DETERMINANTE

La campagna legata a Tigotà è iniziata la scorsa estate ed è già a buon punto: non manca molto per raggiungere l’obiettivo dell’acquisto della giostra musicale accessibile Rapsodia. E questo Natale – che ci sta facendo riscoprire il valore delle cose che veramente contano come le relazioni autentiche – può essere maggiormente impreziosito da una scelta consapevole per un luogo che sia di tutti, dove le persone potranno stare insieme, scoprendo quanto la fragilità, che si cela più o meno in tutti noi, sia una grande, inaspettata ricchezza.


SE VUOI SAPERNE DI PIÙ

Manda una mail a comunicazione@fondazioneroberthollman.it ti risponderemo subito!

La futura gestione del Parco
Il Comune di Padova e la rete degli enti partner iniziano a ragionare insieme

Mentre proseguono i lavori di realizzazione del parco Albero del Tesoro, dopo l’improvviso stop durato mesi imposto dalla prima emergenza sanitaria della scorsa primavera, il Comune di Padova, la Fondazione Robert Hollman e i sedici enti non profit, che fanno parte del partnernariato del progetto fin dal 2016, hanno ripreso a camminare insieme verso un obiettivo comune molto importante: definire la gestione del parco inclusivo, una volta che verrà ultimato il cantiere, sempre nella direzione della co-progettazione condivisa.

Lo scorso 8 ottobre, perciò, si è svolto in sala Rossini al Caffè Pedrocchi il primo di una serie di incontri periodici tra Comune di Padova, Fondazione Robert Hollman e i sedici enti (a cui per la prima volta si è aggiunta anche l’associazione Pulcino che si occupa di bambini prematuri e delle loro famiglie e li supporta nella crescita). La prima parte della riunione è stata dedicata all’aggiornamento sui lavori in corso da parte dell’assessore al Verde e all’Ambiente Chiara Gallani e dell’architetto Luca Mosole del settore Ambiente del Comune di Padova. Maria Eleonora Reffo, direttrice amministrativa della Fondazione Robert Hollman, ha invece fatto il punto su quanto investito finora da parte dell’amministrazione con il finanziamento dei primi tre lotti di costruzione, sulle donazioni ricevute da parte di aziende del territorio, sulle raccolte fondi avviate per il completamento del parco e su quanto è in previsione per incrementare il fundraising.

Partendo dal presupposto irrinunciabile che Albero del Tesoro appartiene ai cittadini padovani, che non è un parco privato e che dovrà essere a disposizione di tutti 365 giorni all’anno non solo come spazio verde dove trascorrere il proprio tempo libero, l’assessore Gallani ha introdotto la riflessione su come si possa rendere il parco un polo attrattivo di servizi e proposte originali per la crescita della cultura della diversità e dell’inclusione.

Il dado è stato lanciato dunque! Il prossimo appuntamento è per martedì 10 novembre, quando tutti gli enti e il Comune visiteranno insieme il cantiere e successivamente si riuniranno all’ex fornace Carotta per far emergere spunti, direzioni e proposte sulla futura gestione del parco, mettendo a disposizione competenze e “visioni” comuni tra chi ogni giorno si prende cura delle fragilità, le trasforma in opportunità e contribuisce a far crescere una città più rispettosa delle differenze di ognuno.

Auditorium San Gaetano, 26 settembre 2020
Spettacolo "Storie holtre la barriera"
Nell’ambito di Solidaria, il festival della solidarietà va in scena “Storie holtre la barriera” lo spettacolo di Denis Varotto sulla disabilità e l’inclusione per sostenere la nascita del Parco comunale inclusivo

Sabato 26 settembre, alle 20.45 all’auditorium San Gaetano in via Altinate a Padova, nell’ambito del festival Solidaria, c’è un’occasione da non perdere per due importanti motivi: crescere nella consapevolezza che ci sia un altro modo per parlare e affrontare la disabilità e contribuire, con un semplice gesto solidale, a far crescere il Parco Comunale Inclusivo, il Parco di tutti, che sta sorgendo al Basso Isonzo. L’attore e regista Denis Varotto, educatore professionale della Fondazione Irpea, ha deciso di portare in scena “Storie Holtre la barriera”, spettacolo intenso, vissuto sulla propria pelle, che parla di disabilità, volontariato e inclusione, a favore della realizzazione del Parco Comunale inclusivo che sta sorgendo in via Siena a Padova.
La serata nasce, dunque, dalla collaborazione tra l’autore e la Fondazione Robert Hollman per la realizzazione di Albero del Tesoro: tutti i fondi raccolti contribuiranno all’acquisto di una giostra accessibile che sarà installata all’interno del Parco.
La partecipazione è semplice, ma è necessaria la prenotazione fino a esaurimento dei posti disponibili, in base alle normative vigenti legate alla sicurezza sanitaria contro il contagio da Covid19. È sufficiente dunque, inviare una mail a comunicazione@fondazioneroberthollman.it , indicare il proprio nome e cognome (e quello di tutte le altre persone di cui si prenota il posto), un recapito telefonico a cui essere contattati e, infine, effettuare una donazione minima sulla piattaforma digitale www.retedeldono.it (progetto “Parco inclusivo”).


Lo spettacolo
Denis Varotto, con la violoncellista Enrica Frasca e la partecipazione di Marco Avventi, porterà sul palco dell’auditorium San Gaetano uno dei suoi lavori più significativi: Storie Holtre la barriera vuole essere «una speranza oltre il muro della vergogna, oltre il senso di colpa, oltre... con l’H come handicap. Perché la disabilità è un punto di partenza: non è una malattia da cui bisogna guarire o curarsi, ma è una condizione – fisica, intellettiva e mentale – che appartiene alla persona in maniera inscindibile per tutta la vita. Storie Holtre la barriera vuole superare i pregiudizi della paura e dell’ignoranza e introdurre al mondo della disabilità con realtà, amore e un pizzico di ironia, partendo dalla realtà di chi la incontra quotidianamente». Il lavoro teatrale della durata di circa un’ora è un viaggio personale, ideato, scritto, diretto e interpretato da Denis Varotto, accompagnato dalla musica di Enrica Frasca. È frutto di tre anni di lavoro e di “una vita” di esperienza nell’ambito del sociale e del volontariato da parte dell’autore che è educatore di comunità alla Fondazione Irpea di Padova. Lo spettacolo nasce da un’esigenza forte di utilizzare il linguaggio teatrale per cercare di cambiare il punto di vista rispetto alla disabilità, offrendo, con ironia e freschezza, altre prospettive e possibilmente superando alcune “barriere” mentali. E proprio per questo l’autore ha scelto di sostenere la realizzazione del primo parco cittadino completamente inclusivo, che nasce dal forte desiderio di creare un luogo immerso nel verde senza barriere fisiche e mentali, con spazi, giostre e opportunità per tutti, dall’infanzia fino alla terza, quarta età, per migliorare la qualità e il benessere nel tempo libero delle persone con disabilità e accorciare le distanze, anche fra le generazioni. “Albero del tesoro” sta nascendo in un’area verde di oltre 5 mila metri quadrati grazie alla sinergia di Comune di Padova e Fondazione Robert Hollman (che si occupa della riabilitazione di bambini con deficit visivi), con il contributo di sedici enti e associazioni padovane e nazionali che quotidianamente s’impegnano negli ambiti della disabilità e dell’inclusione.
Per saperne di più: visita la pagina Facebook Racconti a Teatro

Padova, 28 novembre 2018
Conferenza stampa
Presentazione del progetto parco Albero del Tesoro
Padova, 19 aprile 2018
Laboratori scolastici
Progetto “pensiamo, costruiamo, giochiamo… Insieme.
Il Parco di Tutti”
Report Presentazione Progetto
Padova, 19 aprile 2018
Progetto
Padova, 19 aprile 2018